/ Nuovopaese 2017 / Nuovo Paese – Numero di aprile 2017

Nuovo Paese – Numero di aprile 2017

Simona on August 9, 2017 - 9:49 am in Nuovopaese 2017

Scarica il numero di aprile qua/ Download the april issue here:
NP aprile 17

L’EDITORIALE DI APRILE

Terrorismo omicida

Qualsiasi uccisione di esseri umani da parte di altri esseri umani è un abominevole atto di terrore.
Tuttavia, abbiamo creato una cultura globale sul terrore che è pericolosamente divaricata.
Per esempio, una persona che usa un’automobile e un coltello per uccidere quattro altre persone, ed è quindi a sua
volta uccisa, porta l’attenzione del mondo intero sulla grande Londra, e al blocco della città.
Allo stesso tempo, migliaia di bombardamenti, che uccidono grazie ai mezzi tecnologicamente avanzati di cui dispongono i paesi coinvolti, passano largamente inosservati e suscitano ben poca emozione.
Perché un attentatore solitario, forse affetto da problemi psichici, suscita una paura così profonda e diffusa da
scuotere momentaneamente la routine e il comfort della vita nel mondo occidentale?
Ma sopratutto, perché questa esperienza non sembra porti ad un senso di empatia verso le persone che subiscono, o
fuggono da, situazioni di morte e di distruzione organizzata?
Viceversa, si rafforzano i confini, economici e politici, sull’onda di un aumento dell’intolleranza, mentre in
paesi lontani l’aggressione è il solo mezzo utilizzato per la risoluzione dei conflitti, spesso in spregio alle leggi
internazionali.
La politica interna dei capi di governo in Occidente è tutta concentrata sui temi della sicurezza pubblica, mentre la sfida storica più grande che si trovano a fronteggiare è in realtà quella sull’insicurezza economica, se non la miseria, che colpisce un numero crescente di cittadini.
Davanti agli attacchi terroristici, i capi di governo promettono di mantenere la democrazia, che sta mostrando segni di debolezza, e di proteggere lo stile di vita occidentale che, stranamente però, più che dal terrorismo, è minacciato dalla sua intrinseca insostenibilità economica e ambientale.

Terror killings

Any and every killing of humans by humans is an abhorrent act of terror.
However, we have created a global culture about killing that is dangerously detached.
For example, a person using a car and knife to kill four others, and lead to his
shooting, brings great London to the world’s attention, and to a halt.
Meanwhile, thousands of bombing missions, the killing favoured by technologically advanced governments, go
largely unanalysed and unfelt.
How is it that a lone and most likely deranged person strikes such profound and widespread fear that momentarily
shocks the comfort of routine Western life?
And yet this experience does not appear to provide a basis for empathy to the many subjected to, or fleeing, organised death and destruction.
Instead borders, economic and political, are being tightened as intolerance heightens and in far away places military
aggression is de rigueur for conflict resolution often with disregard to
international law.
At home government heads strenuously stand in defence of public safety at a time when Western governments’ biggest
historical challenge is the economic insecurity and misery faced by increasing numbers of their citizens.
They vow to uphold their democracies, that are showing signs of frailty, and to protect their way of life, which
strangely enough is threatened by its inherent economic and environmental unsustainability.

Comments are disabled

Comments are closed.